Stella McCartney, uno stile leggerissimo

Stella McCartney, uno stile leggerissimo

L'Opera di Parigi è stata teatro di un evento molto atteso, la presentazione della collezione primavera estate 2018 di Stella McCartney. Una sfilata che ha riproposto le coordinate stilistiche che hanno permesso alla figlia dell'ex bassista dei Beatles di catturare nel corso del tempo un vasto stuolo di ammiratori, ad ogni latitudine, in particolare la leggerezza che ne rappresenta ormai un vero e proprio tratto distintivo. 

Gli abiti lunghi e i completi doppiopetto si sono avvalsi di una palette cromatica virata su toni molto accesi, spesso sgargianti, mentre per quanto concerne i materiali è in pratica proseguito il bando verso la pelle animale, sostituita dal finto animalier, in linea con l'ambientalismo che da sempre caratterizza la proposta di Stella McCartney, stavolta testimoniato dagli inserti maculati posti sopra le trasparenze dei tessuti. Ad essi si sono poi aggiunti il cotone, il denim lavato, l'organza, il jersey e la lana leggera, scelti con la grande attenzione che da sempre caratterizza il marchio. 

L'estetica proposta anche in questa occasione fa leva su un'idea estremamente personale di casual, in cui l'ispirazione sportiva cerca di tenere nel giusto conto le esigenze della vita quotidiana. I volumi spesso oversize non attentano comunque alla femminilità, mentre la decostruzione della silohuette riesce infine a raggiungere un'eleganza estremamente rilassata. 

La leggerezza che è da sempre nelle corde di Stella McCartney viene declinata stavolta in modo da tenere conto dei dettami imposti dalla contemporaneità, cercando però di restituire il tutto secondo il gusto che da sempre caratterizza la stilista britannica. Il risultato finale che ne consegue punta soprattutto su un'idea cosmopolita e libertaria di moda, con maglie, giacche e completi in cui il casual chic vira decisamente verso toni british, cercando però di non trascurare troppo la tradizione.

Stavolta, però, l'obiettivo di fondo sembra realizzato solo parzialmente, soprattutto a causa di un approccio scarsamente ambizioso, tale da sfociare infine in una eccessiva semplificazione. Il tocco magico che da sempre caratterizza Stella McCartney sembra stavolta perdersi per strada, dando luogo ad una linea in cui la semplicità diventa fine a sè stessa, senza riuscire a creare la consueta fascinazione.
In definitiva è mancata quindi la consueta zampata che in altre occasioni aveva destato stupore tra pubblico e addetti ai lavori, tanto da lasciare in bocca una sensazione di lieve disagio, quella derivante in fondo da un'occasione persa.

STELLA MCCARTNEY